Archivi e Biblioteche diocesani
Fondi o Serie
Archivi   versione testuale

Gli Archivi Storici Diocesani sono un archivio di archivi: l’istituzione raccoglie, conserva e studia diversi fondi archivistici, manoscritti e a stampa, di rilevante importanza storica inerenti al Patriarcato d’Aquileia e all’Arcidiocesi di Udine per un arco cronologico che risale al X secolo. I documenti sono relativi non solo alla diocesi aquileiese propriamente detta (comprendente, oltre al territorio friulano, anche parte del Cadore, alcune parrocchie venete, Sacile, la valle del Gail in Carinzia, la parrocchia di Lavant in Tirolo, e gran parte della Slovenia) ma anche alle dodici diocesi dell’area veneta e istriana suffraganee prima di Aquileia, poi di Udine fino al 1811.

L’Archivio storico nasce per volontà del patriarca cardinale Daniele Delfino nel 1740 che, sulle orme del suo predecessore fondatore dell’adiacente Biblioteca, volle raccogliere sotto il motto COLLIGITE MONUMENTA POSTERIS CONSULENTES le memorie della Chiesa aquileiese. A tal fine fece realizzare un ambiente destinato a tale funzione (oggi Sala Dolfin) inserendolo nel complesso architettonico del Palazzo Patriarcale. Il nucleo centrale degli Archivi è costituito dalla documentazione prodotta dall’attività della Cancelleria patriarcale della Chiesa di Aquileia, fino al 1752, e della Curia dell’Arcidiocesi di Udine nelle loro funzioni istituzionali, religiose, amministrative e giuridiche (ACAU). I documenti più antichi, precedenti al 1420, sono andati distrutti perché sottratti all’Archivio dalla Repubblica di Venezia. A questo si aggiungono i fondi delle Abbazie di Moggio e di Rosazzo e quello del Sant’Officio dell’Inquisizione di Aquileia e Concordia.

All’ACAU si affianca il ricchissimo e antico Archivio del Capitolo di Udine (ACU), comprendente una parte aquileiese, una collegiata udinese e la terza parte metropolitana udinese, nonché un certo numero di codici e il fondo della Cappella musicale. All’Archivio Capitolare sono annessi due altri lasciti di eruditi settecenteschi: mons. Giuseppe Bini e mons. Giusto Fontanini

Gli attuali Archivi Storici Diocesani sono composti da:

  • Archivio della Curia Arcivescovile di Udine (ACAU).
  • Fondi aggregati all'ACAU:
    • Fondo Moggio
    • Fondo Sant’Officio
    • Fondo Rosazzo
      • Fondo Mensa Arcivescovile
    • Fondo Azione Cattolica
    • Fondo Manoscritti Nuovi (già Fondo Vale)
    • Fondo disegni e stampe
    • Archivio Freschi di Cucanea
  • Archivio Capitolare di Udine (ACU) Composto da:
    • Archivio del Capitolo di Aquileia
    • Archivio del Capitolo di Udine
    • Archivio Metropolitano di Udine
    • Raccolta pergamene
    • Raccolta sigilli
  • Fondi aggregati all'ACU:
    • Fondo Bini
    • Fondo Fontanini
    • Carte di mons Serli
    • Fondo Musicale
    • Fondo Confraternita di S. Maria di Castello
    • Archivio dell’Ospedale S. Maria della Misericordia
    • Facoltà Masolini-Lupis
    • Processi Masolini
    • Dottrina Cristiana
    • Confraternita del SS. Sacramento
    • Confraternita di S. Giuseppe
    • Confraternita di S. Marco
    • Confraternita di S. Carlo
    • Pia Unione della Beata Vergine della Provvidenza
    • Confraternita di S. Giovanni Battista
    • Confraternita del SS. Crocefisso
    • Oratorio Filippino femminile
    • Fabbriceria del Duomo
    • Fabbriceria della chiesa di S. Maria di Castello
Alla sede dell’Archivio Storico fanno capo le due Biblioteche Storiche dell’Arcidiocesi di Udine (BAU e BARTOLINIANA). La BAU conta un patrimonio di 13.000 volumi a stampa, 514 manoscritti. La Bartoliniana a sua volta conta oltre 11.000 edizioni a stampa, 40 incunaboli e 177 manoscritti.