Lunedì 10 Dicembre 2018
 Home » Cattedrale » S. Donnino Martire 
S. Donnino Martire   versione testuale

Patrono della città e della Diocesi di Fidenza

Non si hanno notizie certe sulla patria di origine e l'anno del martirio di Donnino.
Le fonti fissano l'avvenimento sul finire del secolo III mentre il dies natalis
viene indicato il 9 ottobre fin dal secolo IX. Secondo la tradizione Domninus
rivestiva l'importante incarico di cubicularius alla corte di Massimiano imperatore
ed apparteneva ai ranghi della famosa legione Tebea comandata da San Maurizio,
decimata perché i suoi soldati e ufficiali si erano rifiutati di tributare sacrifici agli dei.
Sulla facciata del Duomo, dove sul finire del secolo XII fu all'opera Benedetto Antelami,
si distende lungo l'architrave del protiro, la fascia dei rilievi che traducono
con una straordinaria sequenza di immagini il racconto tramandatoci dai Passionari
a partire dal IV secolo. Il ciclo scolpito ha inizio a sinistra del portale con
l'incoronazione di Massimiano da parte dello stesso Donnino, segue la richiesta di congedo
e l'ira dell'imperatore mentre il santo guida i propri compagni in fuga attraverso le Alpi
e lungo le vie consolari alla volta di Roma. Superata Piacenza,
sulla via Claudia nei pressi dello Stirone il fuggitivo viene raggiunto e decapitato.
E' questo l'episodio culminante dell'intero ciclo figurativo con gli angeli che portano in cielo
l'animula del santo, mentre si verifica il primo miracolo con Donnino che si rialza e attraversa il fiume
reggendo fra le mani la testa mozzata. Secondo quanto tramandato egli si incamminò fino al luogo
dove ora si trova la sua tomba al centro del santuario della cripta del Duomo.

Copyright © 2009 Diocesi di Fidenza ¿ Chiesa Cattolica Italiana