Giovedì 4 Giugno 2020
 HOME » Diocesi » Convegni Diocesani » 6° Convegno diocesano 
6° Convegno diocesano   versione testuale


 

«Una bella esperienza di Chiesa», così ha definito, Padre Arcivescovo, il Convegno diocesano appena concluso, dopo quattro giorni intensi di lavoro, vissuti sia a livello diocesano con i due momenti assembleari di apertura  e chiusura, sia nei laboratori vicariali, sia nella giornata di preghiera vissuta in ciascuna parrocchia.

Ci siamo ritrovati a confrontarci sul tema 'Comunicazione Sociale e la sua forza educativa', partendo dal bisogno che la nostra società sente forte di riappropriarsi della propria identità cristiana e dalla forza che può dare la nostra Chiesa in questa attenzione, a chi è in ricerca o nell'indifferenza, anche attraverso l'uso dei mezzi di comunicazione sociale.

Come operatore pastorale, mi conforta il dato che oggi, più di ieri, si può comunicare la forza e la gioia del Vangelo, anche attraverso tanti mezzi di comunicazione a nostra disposizione (stampa, radio, televisione, internet). Per dirla con i nostri Vescovi nel documento 'Questa è la nostra fede' al n. 18: ''perché un credente sappia comunicare con la testimonianza il primo annuncio della fede, non gli si richiede altro che credere e non vergognarsi del Vangelo'.

Nel nostro mondo tanto secolarizzato si cercano risposte alle tante domande che la vita di ogni giorno ci pone, e non ci accorgiamo che sono proprio lì nel Vangelo di quel Gesù venuto tra noi, fattosi uno di noi, morto e Risorto.

Il laboratorio di cui mi sono occupato ha messo in evidenza il cammino comune di fede dal quale un po' tutti veniamo: chiaro e certo fino all'adolescenza, poi, capita l'indifferenza, l'allontanamento, l'episodicità, fino alla nuova ricerca motivata o dalla preparazione ai Sacramenti dei figli o da eventi forti o dolorosi della vita.

Se si ha la gioia di incontrare persone 'giuste' che sostengano questa ricerca, ci si può aprire ad un nuovo e gratificante cammino di fede, che può aiutare se stessi o può addirittura coinvolgere positivamente anche gli altri.

Emerge, quindi, l'importanza dell'incontro personale, per coloro che sono in ricerca o che si sono allontanati, con persone che dimostrino credibilità e coerenza nel loro stile di vita.

 

Angelo Mola