MASSA CARRARA-PONTREMOLI
    Assise di apertura del Sinodo diocesano
   
    Home Diocesi » Toscana » MASSA CARRARA-PONTREMOLI » Le Assise Sinodali » Assise di apertura del Sinodo diocesano 




 

Assise di apertura del Sinodo diocesano

Giovedì 2 giugno 2005, è stato aperto da S.E. Mons. Eugenio Binini,  l'anno celebrativo del I Sinodo diocesano, con la prima Assise di apertura.

A due anni dall'indizione del Sinodo, avvenuta il 4 ottobre 2003 in occasione della festa di S. Francesco e dopo mesi di preparazione, la diocesi di Massa Carrara-Pontremoli, ha intrapreso la fase celebrativa del cammino sinodale, al fine di affrontare e risolvere le questioni e i problemi emersi dal territorio diocesano.

Per la prima volta si sono incontrati 142 membri sinodali, quelli di diritto e quelli eletti, tra presbiteri, diaconi, religiosi/e e laici della diocesi.

Al mattino, l'appuntamento per i sinodali si è aperto con la celebrazione dell'Ora Terza in S. Sebastiano ed è proseguita nell'Auditorium "A. Forzoni". Qui, Mons. Vescovo ha tenuto un intervento di introduzione e riflessione sulla giornata, auspicando la missione di una Chiesa "che deve uscire dalla Chiesa per entrare nelle case". La mattinata è poi proseguita con la celebrazione della solenne Eucarestia.

Nel pomeriggio, dopo il pranzo in Seminario, sono ripresi i lavori dell'assemblea sinodale: è stato presentato il Consiglio di Presidenza, che avrà il compito di assicurare che i lavori procedano secondo le finalità e con le modalità stabilite dal Regolamento. E' stata effettuata la votazione dei sei membri eleggibili (art. 4 §2 Reg.) e si sono costituite le sei commissioni sinodali, ognuna delle quali ha per argomento la corrispondente linea tematica (vedere i LINEAMENTA).

Ora il cammino sinodale prosegue secondo il calendario delle assemblee plenarie e con gli impegni delle sei commissioni, composte ciascuna da circa 30 membri sinodali;  da settembre inizieranno ad affrontare l' INSTRUMENTUM LABORIS, la "piattaforma" di partenza da cui approvare il documento sinodale finale.