AOSTA
    Aosta cristiana
   
    Home Diocesi » Piemonte » AOSTA » Storia delle parrocchie » Aosta cristiana 


Vedi ancora:


 

Cenni storici

 

La tappa decisiva per la storia dell'intera Valle d'Aosta è data dalla fondazione di Augusta Praetoria nel 2,5 a. C, in seguito alla defl­nitiva sconfitta dei Salassi da parte delle truppe dell'imperatore Augusto. L'arrivo dei Romani, di cui restano in città preziose testimo­nianze, precede la cristianizzazione: probabilmente, il primo annuncio del Vangelo giunge dall'area milanese e vercellese durante il IV sec. Sono note le figure dei primi vescovi della città: Eustasio (451 d. C.); Grato, divenuto poi patrono della diocesi festa il 7 settembre) e Giocondo. La ricca documentazione archeologica, che consta di due complessi di gran­de importanza - la primitiva cattedrale e la chiesa cimiteriale fuori le mura - ha consentito di ricostruire con una certa precisione la fisionomia della città di epoca paleocristiana.

L'appartenenza della diocesi di Aosta, sin dall'epoca altomedieva­le, ai regni d'oltralpe e il suo inserimento, dalla fine dell'VIII sec., nella nuova provincia ecclesiastica di Tarantasia giustificano pienamente il suo spiccato carattere "transalpino ". Solo nel 1862 la diocesi diventò suf­fraganea di Torino; anche per ciò che concerne gli usi liturgici, seguì un suo rito proprio, in vigore fino al 1828.

In un certo senso, la città di Aosta mantenne nei secoli il ruolo di piccola "capitale" delle vallate che le gravitavano intorno, rappresentan­do per esse il principale punto di riferimento: vi avevano sede gli organi­smi politici e amministrativi del Ducato e le principali istituzioni cultura­li ed ecclesiastiche (Vescovado, Capitolo della Cattedrale). In città aveva­no la loro sede anche i canonici regolari della collegiata di Sant'Orso, che diedero un notevole contributo all'apostolato, specie in epoca tardo­medievale e moderna, e all'arte sacra; i canonici del Gran S. Bernardo; il collegio di Saint Bénin, centro di studi superiori; i Francescani (Minori Conventuali), presenti in Valle sin dal 1352. Nel XVII sec. si insediarono ad Aosta anche i Cappuccini e i canonici Lorenesi; a cui seguirono nel 1748 i Barnabiti. Il monastero di Santa Caterina costituì l'unico ordine religioso femminile sino al XVII sec., allorché si aggiunsero i monasteri della Visitazione e delle Suore Lorenesi. Detti questi istituti religiosi furo­no soppressi dal governo francese, insieme con la diocesi, nel 1803. A partire dal 1817, data della restaurazione della diocesi, la Chiesa val­dostana ha progressivamente perso la sua configurazione tradizionale, adeguandosi più strettamente alla prassi romana.

Nel corso del Novecento la città e la regione hanno visto evolvere profondamente la loro fIsionomia: grandi cambiamenti sono sopravvenu­ti con i processi di industrializzazione (soprattutto a seguito della fonda­zione della Società Nazionale Cogne" nel 1916) e con la conseguente immigrazione. Il volto della società è radicalmente mutato, a livello demografico, economico, culturale. La Chiesa valdostana cerca oggi di aprirsi a nuove prospettive pastorali, nel tentativo di coniugare un anti­co patrimonio di fede e di valori con una coerente adesione alle necessità del presente.

 

Parrocchie cittadine

S. Giovanni Battista (cattedrale)

Via Conte Tommaso, 4 Tel. 016540251

 

San Lorenzo

(Collegiata di s. Orso) Via S.Orso, 14

Tel. 0165262026

 

Santo Stefano

Via Martinet, 16 Tel. 016540112

 

St-Martin-de-Corléans

Via St-Martin-de-Corléans, 201 Tel. 0165553373

 

Maria SS. Immacolata

Via Lexert, 14 Tel. 0165263491

 

Sant'Anselmo

Via Valli Valdostane, 7 Tel 016540627

 

Parrocchie della collina

Madonna delle Nevi

Loc. Porossan Tel. 0165238739

 

S. Nicola e S. Barbara

Loc. Excenex

Tel. 016551048

 

S. Bernardo di Mont-joux

Loc. Signayes

Tel. 0165238383

 

Altri indirizzi utili

Curia Vescovile

Via Hôtel-des-Etats, 15 Tel. 0165238515

 

Seminario Vescovile

Via Xavier De Maistre, 17 Tel. 016540115