AOSTA
    Parrocchia di Valpelline
   
    Home Diocesi » Piemonte » AOSTA » Storia delle parrocchie » Valpelline 


Vedi ancora:


 

Parrocchia di San Pantaleone

Festa il 27 luglio. Altitudine 964 m 

Abitanti 580

Chiesa parrocchiale

Capoluogo di una vallata dominata dall'imponente mole del Grand‑Combin (4314 m, in territorio svizzero), la località sorge alla confluenza del vallone di Ollomont ed è circon­data da una corona di montagne, che la riparano dai venti.

Nel Medioevo la zona appartenne alla giurisdizione dei signo­ri di Quart, i quali infeudarono la casaforte affacciata sul sa­grato della chiesa parrocchiale ai nobili locali La Tour de Valpelline (detti anche La Tour des Prés). In seno a quest'an­tica famiglia nacque Rodolphe de La Tour, vescovo di Sion dal 1271 ai 1273. Estinti i Quart (1377), Valpelline passò alle dirette dipendenze dei Savoia. Nel 1612 fu assegnata ai nobili Perrone di San Martino, famiglia piemontese impegnata nello sfruttamento della miniera di rame di Ollomont.

Una lapide sulla facciata della chiesa ricorda l'abbé Henry, parroco di Valpelline dal 1903 al 1947. Botanico, alpinista, sto­rico, figura tra le più rappresentative dei numerosi sacerdoti eruditi valdostani vissuti tra la fine dell'ottocento e la metà del Novecento, Joseph‑Marie Henry è conosciuto soprattutto per la sua opera di divulgazione della storia valdostana. Tra i suoi scritti, non esenti dai limiti della storiografia popolare del tem­po, figurano la nota Histoire populaire re1igieuse et civile de la Vallée d'Aoste e un volumetto sulla storia di Valpelline.

 

La parrocchia

Nello scrivere delle origini della parrocchia, l'abbé Henry ne faceva risalire la fondazione alla generosità del re burgundo Gontran (580). Se tale affermazione, priva di riscontri documentari e archeologi­ci, appare ai nostri giorni inattendibi­le, meno inverosimile è l'ipotesi, avan­zata dallo stesso autore, che la par­rocchia di Valpelline sia tra le più antiche della valle del Gran San Bernardo.

A menzionare per la prima volta la chiesa di Valpelline è una bolla del 1176, con cui il papa Alessandro III prese sotto la sua protezione la diocesi di Aosta e le chiese dipendenti dal vescovo Aimone. Per vari secoli fecero parte della parrocchia di Valpelline anche le comunità di Bionaz ' che ot­tenne la creazione di una propria parroc­chia nel XVII secolo ' e quelle di Oyace e Ollomont, le cui parrocchie furono istitui­te solo nel corso del Settecento.

 

La chiesa

Quasi nulla si conosce della chiesa originaria, che secondo una tradizione si trovava in località Les Goilles, nei pressi del villaggio Prailles. La zona sarebbe stata ab­bandonata perché soggetta a frequenti inondazioni. Sappiamo, dal verbale di una visita pastorale del Quattrocento, che doveva essere dotata di un campanile di legno.

L'attuale chiesa parrocchiale fu fatta costruire nel 1722 dal parroco Jean‑Baptiste Nourissat.

L'ampia facciata "a capanna" è interrotta da lesene e da un lun­go cornicione orizzontale che l'attraversa a metà altezza. L'apertura quadrilobata che serviva ad illuminare l'interno del­la chiesa, fu successivamente tamponata con un bassorilievo di stucco, artistico quanto inconsueto nell'arte locale. Il bel por­tone settecentesco, con pannelli scolpiti a losanghe, è inqua­drato in un portale di pietra, il cui architrave è retto da due coppie di colonne. Entro il timpano spezzato è collocata una copia dell'originale statua cinquecentesca di san Pantaleone. Lo spazio interno è scandito da due file di tre colonne monoliti­che, che dividono la navata centrale da quelle laterali. Una colonna è parzialmente occupata dal pulpito di legno scolpito, settecentesco.

Nella navata sinistra, a fianco dell'ingresso, è collocato il fon­te battesimale, composto da una vasca di pietra quattrocente­sca e da una copertura lignea settecentesca. Al culmine di que­st'ultima, una scultura rappresenta la scena del battesimo di Gesù Cristo.

Segue una grande statua quattrocentesca di sant'Antonio abate, appartenente ad una tipologia piuttosto comune nella regione. Di fianco, l'altare dedicato al santo taumaturgo, con colonnine scanalate dipinte a finto mar­mo, attribuito agli scultori valsesia­ni Giuseppe Antonio Broccio e Giu­seppe Andrea Gilardi (1813). Nella tela sono raffigurati, ai piedi della Vergine Addolorata, i santi Ber­nardo d'Aosta, Antonio abate e Sebastiano.

L'altare del Rosario, riccamente or­nato di colonne tortili, cornici e testine di angeli, presenta quindici formelle con i misteri del Rosario e, al centro, una statua della Madonna di epoca più recente, donata alla chiesa dal parroco Dalbard (1848‑1887).

Il coro ' sulle cui pareti laterali sono raffigurate le scene dell'An­nunciazione (a destra) e della Re­surrezione (a sinistra), opera del pit­tore Morgari ' è decorato nella parte alta con figure di angeli a tutto tondo. Agli angoli della volta sono dipinti i quattro evan­gelisti. L'altare maggiore in marmi policromi è considerato, nel suo genere, il più bello della Valle. Donato alla chiesa dal conte Perrone di San Martino in una data imprecisata, sembra attribuibile agli anni immediatamente successivi alla metà del XVIII secolo. La tela inserita al centro raffigura una Madonna con Bambino e i santi Giuseppe, Dionigi, Pantaleone e Benigno.

Oltre il coro, nella navata destra, è collocato l'altare dello Spirito Santo, commissionato intorno al 1793 dal conte Perrone di S. Martino. Come i precedenti, è ricco di fregi dipinti e dorati; nella tela centrale è raffigurata la Pentecoste.

Stilisticamente analogo all'altare di S. Antonio, e dunque coevo, è l'altare successivo, dedicato a san Giovanni Battista. Nella te­la, il Precursore è rappresentato tra i santi Pietro e Paolo.

Una curiosità: sospeso alla tribuna, verso la navata centrale, è visibile uno strumento musicale di latta (chiamato in patois tübo), utilizzato fino ad alcuni decenni fa dai cantori valdostani per l'accompagnamento liturgico.

 

Il museo d'arte sacra

Allestito in una vetrina in fondo alla navata destra, con­serva statue, paramenti e suppellettili liturgiche in uso nel passato nella chiesa e nelle cappelle della parrocchia. Tra gli oggetti più importanti si segnalano una cassetta reliquia­rio gotica con iscrizione dedicatoria, donata dall'arcidiacono di Aosta Baudouin l'Ecuyer, par­roco commendatario di Val­pelline (1443‑1475); la statua cinquecentesca di san Pantaleone un tempo esposta sul­la facciata della chiesa; la cro­ce astile in lamina d'argento detta "digna", riccamente de­corata a losanghe e fiorami, con Crocifisso a tutto tondo al centro e i simboli degli evangelisti alle estremità dei bracci, forse menzionata già nel 1416; un paliotto d'altare in cuoio stampato e dipinto a fiori (XVII secolo) e una pianeta di vel­luto, pure seicentesca. Si osservano inoltre una croce asti­le cinquecentesca, due calici quattrocenteschi e alcuni busti reliquiari di epoca moder­na. Un prege­vole Crocifisso di grandi di­mensioni, pro­veniente dalla chiesa di Valpelline e risa­lente alla metà del XIV secolo, è temporanea­mente esposto presso il museo del tesoro della Cattedrale di Aosta.

 

Le cappelle

Ne] territorio di Valpelline figurano tre cappelle, di fon­dazione seicentesca: cappella della Madonna delle ne­vi in località Vignettes, esistente già nel 1700 ma rifon­data nel 1755; cappella di S. Rocco a Semon, fondata intorno al 1640; cappella di S. Barbara a Thoules: distrutta da un incendio con l'intera frazione all'inizio del XVII secolo, fu rico­struita nel 1663, nuovamente distrutta da una frana nel 1905 e ricostruita nelle forme attuali nel 1912.

 

Chapelle de Vignettes