Lunedì 23 Maggio 2022 Liturgia di oggi
 Home » Documenti 

Omelia del Giovedì Santo 17 aprile 2014




La liturgia odierna mette al centro della nostra attenzione «il Crisma», olio misto a profumi, che fra poco consacreremo. La parola crisma rimanda alla parola «Kristos», che significa «Cristo», «consacrato per mezzo dell'unzione». Tale parola rivela non solo l'identità di Cristo, ma anche l'identità dei presbiteri e dei cristiani. L'unzione dello Spirito, che ha ricevuto Gesù, è, infatti, partecipata a tutti i membri della chiesa per mezzo del battesimo e della cresima. Non per niente nell'orazione iniziale abbiamo pregato: «Concedi a noi, partecipi della sua consacrazione'». Uniti in Lui siamo anche noi consacrati e possiamo rende-re il culto in spirito e verità. Questa particolare celebrazione ci fa sentire chiesa una, popolo convocato e radunato, corpo di Cristo, armoniosa e bella per i vari ministeri e carismi. Il tema dello Spirito e dell'unzione investe tutta la parola di Dio di oggi. Isaia ha schizzato la figura del messia: consacrato, attento alle necessità dei più disagiati, portatore di salvezza, tratti questi che poi trovano compimento nella persona di Gesù, che proclamerà: «Oggi si è adempiuta questa parola».

Copyright - 2008 - Arcidiocesi