CITTÀ DI CASTELLO
    DOCUMENTI
   
   




 
Documenti storici ,

Lettere pastorali del vescovo Carlo Liviero



Nato a Vicenza il 29 maggio 1866, Carlo Liviero riceve l'ordinazione sacerdotale il 6 marzo 1910 dal vescovo di Padova. E' eletto vescovo ci Città di Castello il 10 gennaio 1910 e il 28 giugno seguente entra in diocesi. Promuove numerose opere sociali ed assistenziali e favorisce l'impegno dei laici nella vita sociale e politica; nel 1916 fonda la congregazione delle Piccole Ancelle del Sacro Cuore. Per rispondere alle esigenze religiose, culturali e sociali della sua gente mons. Liviero mette in atto una serie di iniziative che spaziano su tutti i campi. Solo un elenco rende l'idea della multiforme attività pastorale che caratterizza l'azione di mons. Liviero: il settimanale cattolico Voce di popolo che comincia a uscire neppure un mese dopo il suo arrivo in diocesi; il Bollettino interdiocesano per gli atti ecclesiastici delle diocesi di Gubbio, Sansepolcro e Città di Castello che inizia le pubblicazioni verso la fine del 1910; la "Scuola elementare maschile vescovile" (1910); la fondazione della "Tipografia Vescovile" (1912), divenuta nel 1917 "Scuola Tipografica Orfanelli Sacro Cuore"; l'"Ospizio Sacro Cuore" (1915); la fondazione della congregazione religiosa delle Piccole Ancelle del Sacro Cuore (approvata da papa Benedetto XV il 16 novembre 1916); l'apertura della "Libreria Sacro Cuore" (1919); il pensionato "Sacro Cuore" (1920); la "Colonia marina Sacro Cuore" di Pesaro (1925); la "Sala cinematografica Sant'Egidio" (1931). Particolarmente significativa la sua attenzione nella promozione del laicato, dei giovani, della donna. Nel 1927 organizza il I Congresso Eucaristico Diocesano e nel 1928 presiede il sinodo diocesano. Morì a Fano il 7 luglio 1932; sepolto, nel cimitero cittadino, la sua salma è traslata nella Basilica Cattedrale il 5 marzo 1933. Nel 1959, il vescovo Luigi Cicuttini promosse una vasta raccolta di testimonianze, estesa anche alla diocesi di Padova ed altre località. Nel 1974 fu presentato al vescovo di Città di Castello, Cesare Pagani, il supplex libellus per l'inizio della causa di beatificazione, che ebbe subito inizio nelle fasi preliminari fino al Nulla osta concesso da Paolo V1 il 5 agosto 1976. Nel 1977 venne costituito il tribunale diocesano, che concluse il suo lavoro nel 1982. Contemporaneamente si svolse a Padova il processo rogatorio. Nel 1980 si compì la ricognizione della salma del Servo di Dio e la traslazione in altra parte della cripta della cattedrale. Il giorno 1 luglio 2000 sono state riconosciute dal papa Giovanni Paolo II le virtù eroiche del venerabile vescovo Carlo Liviero (cfr. Decretum super virtutibus. Beatificationis et Canonizationis Servi Dei Caroli Liviero, episcopi Civitatis Castelli, fundatoris Congregationis Parvarum Ancillarum a Sacro Corde (1866-1932), in «Acta Apostolicae Sedis», 4 dicembre 2000, XCII, n. 12, p. 888-893). Il 16 dicembre 2006 papa Benedetto XVI autorizza la Congregazione per le Cause dei Santi a promulgare il decreto con il quale si riconosce un miracolo attribuito all'intercessione del venerabile Carlo Liviero. Il 27 maggio 2007, solennità di Pentecoste, il cardinale José Saraiva Martins presiede, a Città di Castello, il rito di beatificazione.

 

Bibliografia: C. Berliocchi, Credere per amare, Città di Castello 2004; Lettere pastorali dei vescovi dell'Umbria, a cura di B. Bocchini Camaiani ' M. Lupi, Roma 1999, pp. 90-98; B. Schivo, Il Vescovo Carlo Liviero, in «Pagine altotiberine», 2, 1997, pp. 123-134; N. Del Re, Liviero, Carlo, in Bibliotheca Sanctorum, prima appendice, Roma 1987, p. 786-787; G. Pellegrini, Liviero, Carlo, in Dizionario storico del movimento cattolico in Italia. 1860-1980, III/1, Casale Monferrato 1984, pp. 471-472; G. Rocca, Liviero, Carlo, in Dizionario degli istituti di perfezione, V, Roma 1978, p. 712; B. Schivo, Carlo Liviero. Pastore e apostolo, Città di Castello 1977; O. Fiorucci,  Testimonio di Cristo, Città di Castello 1968; G. Malvestiti, Mons. Carlo Liviero, Vescovo di Città di Castello. La sua vita, le sue opere, Città di Castello 1935.



27/05/2007 Documenti storici

Documenti allegati: