BERGAMO
    Storia
   
    BERGAMO » Famiglia » Storia 




 

 

Breve storia della Pastorale della Famiglia nella Diocesi di Bergamo

Vengono proposti in successione cronologica alcuni avvenimenti civili ed ecclesiali che coinvolsero le famiglie nel ventesimo secolo.

AVVENIMENTI CIVILI

AVVENIMENTI ECCLESIALI

1946. Primo voto alle donne.

 

 

1947. Si accresce il fenomeno della l'emigrazione dei bergamaschi in Francia, Svizzera, Germania, e Belgio.

1949. All'unione internazionale degli organismi familiari vengono dichiarati i diritti fondamentali delle famiglie.

1950-60. Ricostruzione e fiducia nella democrazia.

Legislazione a favore delle madri lavoratrici.

 

 

1960. Boom economico ed allentamento dell'attenzione alla famiglia

 

 

 

 

 

 

 

 

1968. Movimento culturale che rimette in discussione società, Stato, scuola, Chiesa, famiglia, uomo, donna.

 

 

 

 

 

1972. I Decreti Delegati istituiscono gli Organi collegiali della scuola con le famiglie presenti all'attività della Scuola

 

 

 

 

1975. Nuovo Diritto di Famiglia.

 

1976. Legge e Referendum sul divorzio.

 

 

1946. Nell'immediato dopoguerra, alcune coppie di giovani professionisti: medici, avvocati, insegnanti con don Liggeri di Milano collaborano alla costituzione de "La Casa", primo consultorio familiare in Italia.

1947. Nasce l'opera diocesana per gli emigranti.

 

1949. Al congresso dei medici cattolici si affronta il tema della fecondazione medicalmente assistita.

1950. A Bergamo i professionisti dell'istituto "La Casa" organizzano un servizio di consulenza prematrimoniale e matrimoniale che ha sede a palazzo Rezzara nel quale sono riunite le associazioni laicali della Diocesi.

A Curno viene aperta la "Casa degli angeli" per le madri nubili e i loro bambini.

1960. In città, nelle case, si riuniscono alcuni gruppi di coppie giovani insieme ad alcuni sacerdoti sensibili ai loro problemi. Sono gruppi autogestiti e impostano itinerari formativi commisurati alle rispettive esigenze.

1962. Apertura del Concilio Vaticano II:

La Lumen Gentium definisce la famiglia piccola chiesa.

La Gaudium et Spes presenta la missione dei laici e il ministero coniugale.

La Dei Verbum pone al centro la Parola rivisitata dai credenti

1968. Humanae vitae: No alla contraccezione; sì ai metodi naturali per la regolazione della fertilità.

1969. Pubblicazione di Matrimonio e famiglia oggi in Italia, il primo documento pastorale organico dell'Episcopato italiano in merito al rapporto famiglia, Chiesa e società.

1970. Un certo numero di coppie legate all'A.C. o all' A.Ge.Sc.I. frequenta periodicamente centri di Spiritualità familiare di Bologna e di Sestri Levante oppure organizza ritiri per coppie all'eremo di S. Salvatore ad Erba, dell'Università Cattolica o a Villa Gazzada con don G.Franco Fregni.

Intanto mons. C. Gaddi, vescovo di Bergamo, istituisce i Centri pastorali presso il palazzo Rezzara, con una sezione dedicata alla pastorale familiare ed ai primi corsi per fidanzati nelle Parrocchie. Don Luigi Merelli è vicario episcopale per gli organismi pastorali.

1975. Promulgazione del documento CEI Evangelizzazione e Sacramento del Matrimonio.

1976. Convegno diocesano " Evangelizzazione e promozione umana" organizzato da Vittoria Quarenghi.

1978. Legge sull'aborto.

Riforma sanitaria e istituzione di Consultori familiari pubblici.

Un gruppo di laici cattolici partecipa alla gestione dei Consultori familiari pubblici.

1980. Vuoto legislativo sulla famiglia.

Istituzione di un Centro di Aiuto alla Vita, in Bergamo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1989. Il Centro internazionale studi famiglia pubblica il primo rapporto sulla famiglia in Italia. Famiglia e società.

1991. Secondo rapporto sulla famiglia.

Le nuove generazioni.

1993.Terzo rapporto sulla famiglia

Nuova cittadinanza.

1995. Quarto rapporto sulla famiglia.

Scenario intergenerazionale.

 

1978. Raccolta firme per il referendum contro l'aborto, organizzato da Vittoria Quarenghi.

1978. Mons. Oggioni, vescovo di Bergamo, trasferisce gli Uffici di pastorale presso la Curia in città alta.

1980. Carta dei diritti delle famiglie.

1980. Viene istituito l'Ufficio per la pastorale della famiglia con direttore don Giuseppe Castellani. Il Vescovo Mons. Giulio Oggioni promulga il Piano pastorale "Evangelizzazione per una famiglia cristiana".

1981. Piano pastorale diocesano "Comunione e comunità nella famiglia chiesa domestica"

1981. Lettera apostolica Familiaris Consortio.

1984. Pubblicazione Catechesi di Giovanni Paolo II sull'amore umano.

1986. Nomina del direttore dell'ufficio della Pastorale della Famiglia: don Emilio Zanoli.

Il direttore disegna un progetto di pastorale familiare che tiene conto di tutte le età e delle relazioni che interessano la famiglia nella società e nella Chiesa, delineando quattro grandi aree di intervento formativo: i giovani ed i fidanzati, i genitori ed i minori, le strutture di sostegno e i rapporti con la società civile. Nei dieci anni che seguono vengono istituiti corsi di formazione per operatori di pastorale familiare indirizzati ai laici sposati, nominati dalle parrocchie e dai vicariati; vengono costituite commissioni di laici che si occupano di pastorale familiare a livello diocesano, vicariale e parrocchiale; vengono organizzati corsi per fidanzati, coordinati dall'Ufficio e sostenuti dalla presenza di laici oltre che di sacerdoti; viene attivata una commissione di pedagogisti e psicologi che compone testi per itinerari di educazione all'Amore degli adolescenti; vengono attuati corsi d'istruzione sui metodi naturali di regolazione della fertilità, in collaborazione con il CAMEN di Milano; si istituisce una giornata di studio su temi di particolare interesse per la pastorale familiare, con la partecipazione di esperti e delle famiglie al completo; si attuano giornate di spiritualità nei diversi centri della

Diocesi.

 

 

1997. Quinto rapporto sulla famiglia.

Uomo e donna in famiglia.

 

1997. Legge 285 / 97 a sostegno della genitorialità

 

1999. Sesto rapporto sulla famiglia.

Famiglia e società del benessere.

1999. Legge regionale 23 / 99 " Politiche regionali per la famiglia.

 

2000. Legge 53/00 sui congedi parentali.

2000. Legge 328/00 " Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali."

2001. Settimo rapporto sulla famiglia.

Identità e varietà dell'essere famiglia.

 

1996. Don Edoardo Algeri assume la direzione dell'Ufficio diocesano di pastorale della famiglia. Egli imposta la sua attività sulle fondamenta strutturali ed organizzative dell'Ufficio coinvolgendo una nuova generazione di laici nell'attivazione di iniziative a più ampio spettro: corsi di educazione degli affetti e della sessualità nelle scuole medie inferiori e superiori, statali e non statali, insieme ai genitori e agli insegnanti; accreditamento regionale del consultorio familiare diocesano; collaborazione a tutto campo con A.C.L.I., Cooperative, Associazioni, Movimenti di spiritualità per iniziative di formazione dei laici sposati.

Viene dato un nuovo impulso ai gruppi di giovani sposi che si riuniscono nelle loro case, ma viene istituito anche un centro di formazione per le giovani coppie, nel Centro famiglia del Comune di Bergamo, con l'apporto professionale di giovani laureati riuniti in equipe. Viene iniziato un percorso di accompagnamento delle persone separate, divorziate, o risposate. Con le Amministrazioni locali viene rafforzato un dialogo sulle politiche familiari: Statuto della Consulta comunale e Ricerca sociologica con l'Amministrazione provinciale sul tema " Famiglia e Lavoro". Viene istituito un osservatorio permanente delle Politiche familiari che dovrebbe, in futuro, coinvolgere tutte le istituzioni civili che si ispirano alla visione cristiana della vita e della famiglia.

Testi di Giuseppina Soloni