MONTE OLIVETO MAGGIORE
    Convegno di Studio
   
    Home Diocesi » Toscana » MONTE OLIVETO MAGGIORE » Appuntamenti » Convegno di Studio 

"LaTeologia sapienziale tra Medioevo e Postmodernità"
 
 
Dal 2 al 4 Ottobre presso l'Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, si svolgerà un significativo Convegno dal titolo: La teologia sapienziale. Tra medioevo e postmodernità.
Dopo le due prolusioni in cui verranno trattate le linee sapienziale della Sacra Scrittura (R. Vignolo) e del mondo greco antico (G. Reale) che costituiscono due fondamentali fonti sapienziali, il Convegno si articolerà in due parti. Nella prima si analizzerà il Medioevo, nella seconda la modernità/postmodernità. Ogni parte è divisa in tre sezioni: sfondo culturale, figure, linee e prospettive.
Lo sfondo culturale del Medioevo sarà colto dal punto di vista storico (G. Picasso) in cui verrà abbracciato l'orizzonte sapienziale sia nell'ambito artistico attraverso le rappresentazioni dei corali miniati (F. Gualdi), sia in quello dello studio dei monaci astronomi (C. Sigismondi). Per le figure medievali, verranno presi in esame: Anselmo d'Aosta (R. Nardin), Bonaventura (L. Sileo) e Pietro Damasceno (M. Bielawski).
Le linee della teologia sapienziale nel Medioevo verranno colte in uno sguardo che partirà dai Padri all'alto medioevo (C. Marabelli), passando per la teologia monastica medievale (A. Simón) e la Scolastica (I. Biffi) nonché la teologia bizantina (G. Collins).
La seconda parte del Convegno si concentrerà nell'analisi della modernità/postmodernità. Il contesto storico-culturale sarà colto valutando l'eclissi della teologia sapienziale in Occidente (G. Lorizio), mentre le figure analizzate saranno: A. Rosmini (N. Galantino), H. U. von Balthasar (M. Serretti) e P. A. Florenskij (N. Valentini). Chiuderanno il Convegno, come linee e proposte sapienziali tra medioevo e postmodernità, quattro prospettive: pedagogica (C. Xodo), agiografica (R. Grégoire), mistagogica (P. Giannoni) e formativo-teologica (A. Barban).
Nelle due serate saranno proposti due Concerti, nei quali si rispecchierà la tematica e l'ordine del Convegno. Per il primo avremo una meditazione in Canto Gregoriano e verrà svolta dal coro dei monaci dell'Abbazia di Monte Oliveto. Il secondo sarà un Concerto d'Organo che verrà eseguito dal Maestro J. E. Goettsche, Organista della Basilica di S. Pietro, Città del Vaticano. Canto gregoriano e organo stanno a significare, ancora, medioevo e modernità/postmodernità: le due parti del Convegno.
Il Convegno, in definitiva, attraverso l'analisi storico-culturale e teologica del medioevo e della modernità/postmodernità, si propone di indagare sulla teologia colta nell'orizzonte sapienziale, per scoprire che la riflessione sulla fede è inscindibile dall'esperienza spirituale e l'esperienza spirituale, a sua volta, diventa alimento della riflessione sulla fede; perché la teologia non è una semplice scienza teorica, ma sapienza per la vita che parte da Colui che è la Vita.

Per informazioni e prenotazioni. Segreteria organizzativa:
Roberto Nardin
tel. 0577.70.76.56
fax: 0577.70.76.76
e-mail: nardin@pul.it

 
 
file attached   Programma del convegno.doc