Sabato 3 Febbraio 2018
 HOME » notizie » Mons. Morandi ¿l nuovo Segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede 

Mons. Morandi è stato ordinato vescovo   versione testuale

A servizio della fede per la Chesa universale


 Duomo gremito per l'ordinazione episcopale di mons. Giacomo Morandi, nominato lo scorso luglio Segretario della Congregazione per la dottrina della fede.
La liturgia di ordinazione episcopale di mons. Giacomo Morandi è stata presieduta da monsignor Angelo De Donatis, Vicario generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma; i vescovi conordinanti erano mons. Erio Castellucci e mons. Luciano Monari, Amministratore apostolico di Brescia. Erano presenti inoltre il Card. Beniamino Stella, Prefetto della Congregazione per il Clero,  mons. Lorenzo Ghizzoni, Arcivescovo di Ravenna-Cervia, mons. Carlo Mazza, vescovo emerito di Fidenza, mons. Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia,  mons. Adriano Caprioli, vescovo emerito di Reggio Emilia - Guastalla; mons. Paolo Rabitti, vescovo emerito di Ferrara-Comacchio, mons. Germano Bernardini, vescovo emerito di Smirne, mons. Giuseppe Verucchi, vescovo emerito di Ravenna- Cervia, mons. Lino Pizzi, vescovo di Forlì- Bertinoro, mons. Enrico Solmi, vescovo di Parma, mons. Ignazio Bedini, Arcivescovo Emerito Ispahan dei Latini - Iran, mons. Paolo Rabitti, vescovo emerito di Ferrara Comacchio. Da altre diocesi dell'Emilia Romagna e dalle istituzioni a cui mons. Morandi è legato erano presenti don Michele Morandi, Vicario generale della Diocesi Faenza-Modigliana, don Matteo Visioli, che ha preso in suo posto come Sottosegretario alla Congregazione, mons. Marco Busca da Mantova, mons. Ennio Apeciti, dal Seminario Lombardo, mons. Gianluca Pezzoli, della Segreteria di Stato Vaticana, padre Marko Ivan Rupnik,del  Centro Aletti; l'arcivescovo Joseph Augustine Di Noia –  segretario aggiunto della Congregazione della fede; l'arcivescovo Guido Pozzo, segretario della commissione Ecclesia Dei.
Erano presenti 150 sacerdoti, di cui 80 della diocesi di Modena.  
Ha preso la parola per primo il vescovo Erio Castellucci, sottolineando  lo stretto legame di don Morandi non solo con la Chiesa di Modena, ma anche con la cattedrale stessa, domus Clari Geminiani. Ed è proprio la croce di san Geminiano il dono della comunità diocesana; la stessa è impressa anche sull'anello episcopale, dono del vescovo Castellucci.
La celebrazione, solenne e molto partecipata, è stata animata dalla cappella musicale del Duomo, diretta dal maestro Daniele Bononcini.
Mons. Angelo De Donatis, che ha presieduto la liturgia, nell'omelia, ha evidenziato che la missione di don Giacomo "non è una missione astratta, sradicata dalla realtà, fuori dalla vita quotidiana, neanche per una persona chiamata a servire il Signore e la Chiesa attraverso l'impegno negli uffici di Curia" perché "il suo fine è quello missionario: portare il vangelo fin ai confini del mondo".
Erano presenti il sindaco Giancarlo Muzzarelli, il prefetto Patrizia Paba, gli onorevoli Matteo Richetti e Carlo Giovanardi, la presidente del consiglio comunale Francesca Maletti, l'assessora Giuliana Urbelli, il consigliere regionale Enrico Aimi, il direttore generale della Usl Massimo Annicchiarico, il comandante dell'Accademia Militare Mannino, il questore Paolo Fassari, il comandante dei Carabinieri colonnello Balboni, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Paolo Cavicchioli, la famiglia, ma soprattutto numerosi fedeli che, nei suoi anni di ministero in città hanno avuto modo di conoscere ed apprezzare don Morandi nel ministero della parola e le servizio alla comunità diocesana.
Dopo la liturgia, la festa condivisa nel chiostro del Seminario.
 
 
 
La Congregazione per la Dottrina della Fede fa risalire il nome e le competenze attuali alla vigilia della conclusione del Concilio Vaticano II: «compito proprio della Congregazione per la dottrina della fede è di promuovere e di tutelare la dottrina della fede e i costumi in tutto l’orbe cattolico: è pertanto di sua competenza tutto ciò che in qualunque modo tocca tale materia». Nelle materie che lo richiedono la Congregazione procede anche come Tribunale: “giudica i delitti contro la fede e i delitti più gravi commessi sia contro la morale sia nella celebrazione dei sacramenti? (art. 52).
 
 
Don Giacomo Morandi è nato il 24 agosto 1965 a Modena. E' stato ordinato presbitero l’11 aprile 1990. Ha conseguito il Baccalauerato in Teologia presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Reggio - Modena - Parma - Carpi (affiliato a Sant’Anselmo di Roma). Ha inoltre conseguito la Licenza in Scienze Bibliche presso il Pontificio Istituto Biblico di Roma (1992), seguita da Licenza e Dottorato in Teologia dell’Evangelizzazione (Missiologia) presso la Pontificia Università Gregoriana (2008).
In Diocesi di Modena è stato vicario parrocchiale a Fiorano Modenese (1993-1996); Direttore dell'Ufficio Servizio Biblico diocesano (1996-2012); Assistente spirituale medici Cattolici (2002- 2014); Assistente spirituale Istituto secolare della regalità (2009- 2015); Vicario episcopale per la catechesi, evangelizzazione, cultura (2005-2010); Arciprete del Capitolo della cattedrale (2011-2015). E' stato Vicario Generale della diocesi  dal novembre 2010 al 17 febbraio 2015.
Dal 20 febbraio 2015 al 12 settembre 2015, in seguito alla morte di mons. Lanfranchi, Amministratore diocesano di Modena-Nonantola. Dal 14 settembre 2015 è stato confermato Vicario generale di Modena-Nonantola. Nell'ottobre 2015 è stato nominato Sottosegretario alla Congregazione per la Dottrina della fede.
Mons. Morandi è stato Docente a tempo pieno di Sacra Scrittura presso lo Studio teologico Interdiocesano di Reggio Emilia-Modena-Parma-Carpi, docente stabile di Sacra Scrittura presso l’Istituto Superiore di Scienze religiose di Modena; docente di Esegesi Patristica presso “l’Atelier di teologia card. T. Spidlìk? di Roma presso il Centro Aletti, collegato con il Pontificio Istituto Orientale.