Sabato 27 Gennaio 2018
 HOME » notizie » La tre giorni pastorale 

La tre giorni pastorale: il volto missionario della parrocchia   versione testuale

Al Centro Famiglia di Nazareth 7, 8 e 10 giugno


"La parentela tra parrocchia, casa e famiglia è stretta: è incisa addirittura nell’etimologia".   Si apre così la relazione conclusiva del vescovo Erio Castellucci alla tre giorni di programmazione pastorale. E  prosegue:  “Parrocchia? proviene dal greco Paroikia, termine formato da par, che significa vicino/presso e oikia, che significa casa o famiglia. Nel mondo antico il termine paroikia indicava la residenza in un paese straniero, un soggiorno all’estero e persino l’esilio. In questo senso viene utilizzato anche nel Nuovo Testamento per indicare la situazione delle comunità cristiane: nella sua prima Lettera, Pietro scrive “ai fedeli dispersi nel Ponto, nella Galazia, nella Cappadocia, nell’Asia e nella Bitinia? (1,1), esortandoli così: “comportatevi con timore nel tempo del vostro pellegrinaggio (tes paroikias)?; è “pellegrinaggio?, per Pietro, l’intera vita terrena; ma lo è in modo ancora più evidente l’esistenza dei cristiani a cui scrive, perseguitati e dispersi. E Pietro poco più avanti usa anche la parola paroikos, “parroco?, al plurale, che viene tradotta con “straniero?: “Carissimi, io vi esorto come stranieri?… (2,11). “Parrocchia? e “parroco?, sono quindi parole segnate da una certa nostalgia della casa e della famiglia, che risulta almeno momentaneamente distante e inaccessibile, ma per questo ancor più desiderata; una vicinanza alla casa coltivata nel cuore, in attesa di poterci tornare definitivamente.

Il passaggio dal tema della casa e della famiglia, che ci ha impegnati nell’ultimo anno pastorale, al tema della parrocchia, che ci vede impegnati nell’anno presente, è dunque piuttosto naturale. Dilatando il motivo della “misericordia?, che ha caratterizzato il Giubileo voluto da papa Francesco e che in Diocesi abbiamo declinato nella realtà del presbiterio (2015-16) e in quella della famiglia (2016-17), intendiamo ora declinarlo nella realtà della parrocchia, intesa come “grande famiglia? e “famiglia di famiglie?. Così il papa ne parla in Evangelii Gaudium (2013):
 
In allegato  alla pagina: la sintesi  e le slides dell'Ufficio  Famiglia, l'intervento di don  Casini, l'intervento di don Violi  e le slides di mons. Gazzetti; la sintesi  dei lavori  di  gruppo  e la relazione conclusiva di mons. Castellucci.