Sabato 13 Febbraio - Santo Stefano -
 
                 Il Vescovo
      Info generali
      Organizzazione
      La Cattedrale
       Parrocchie
     Persone
      Documenti
Le Rubriche
CATECHESI Santo Padre
"ASTERISCHI"
"ORATORIO"
I nostri siti
CANCELLERIA VESCOVILE
Ufficio CATECHISTICO
Ufficio I.R.C.
Ufficio BENI CULTURALI ECCLESIASTICI
PASTORALE GIOVANILE
PASTORALE della FAMIGLIA
PASTORALE SOCIALE e LAVORO
PASTORALE della SALUTE
IL SOVVENIRE
Ufficio PELLEGRINAGGI
Centro Missionario Diocesano
CARITAS DIOCESANA
SEMINARIO VESCOVILE
IL RISVEGLIO POPOLARE
Casa Alpina GINO PISTONI
Archivio Eventi
19.07.2009 - ANGELUS Benedetto XVI
02.10.2011 - BEATIFICAZIONE Antonia M. Verna
Area Pastorale
Sante Messe
 
Preparazione Matrimonio
In Primo Piano  
Misericordiosi come il Padre 
Giubileo Straordinario 2015-2016
sito ufficiale del Giubileo: www.iubilaeummisericordiae.va

 
Misericordiae Vultus
Bolla di indizione del giubileo straordinario

fonte sito: www.vatican.va
 
Messaggio del Vescovo
per la Quaresima 2016


Carissimi Fratelli e Sorelle,

è alle porte la S. Quaresima, con la sua grazia specifica e il suo invito a salire alla Pasqua attraverso un cammino che ci porti a rinnovare, non solo formalmente, le Promesse del nostro Battesimo....



 

Mons. Vescovo rende noto il contenuto della sua telefonata
del 4 febbraio 2016 al Direttore di un giornale locale
 
Mi è stata mostrata copia del Suo giornale con articolo circa la soppressione della diocesi di Ivrea.
Desidero dirLe che, a mio parere, l’articolo non è rispettoso dell’intelligenza dei lettori.
Passi la foto – che ritengo offensiva così ridotta, essendo stato eliminato il contesto, che era quello del calcio inaugurale di una partita, in occasione dell’inaugurazione di un Oratorio parrocchiale –; ciò che non è accettabile è l’incongruenza tra il titolo e il contenuto dell’articolo che attribuisce all’Osservatore Romano il riferimento alla diocesi di Ivrea, quando invece il discorso è generale e non viene citata alcuna diocesi in particolare.
Circa, poi, le presunte riunioni della Conferenza Episcopale Piemontese sull’argomento, mi corre l’obbligo di dirLe che non ve ne sono state, e lo dico come membro della CEP in cui ho anche le deleghe per la Scuola e per la Vita consacrata.
Quanto ad “accorpamenti” e “soppressioni”, La pregherei di tener conto del fatto che la diocesi di Ivrea è la terza del Piemonte per popolazione, dopo Torino e Novara. Altre 14 sono inferiori alla nostra per numero di abitanti. La revisione – nel caso in cui si ravvisassero le opportunità di farla – riguarderebbe, quindi, altre diocesi prima che la nostra.
Tanto volevo dirLe poiché mi sento offeso. Ma questo è relativo. Ciò che mi colpisce – Le ripeto – è la mancanza di rispetto per l’intelligenza del lettore.  

 
Dichiarazione
della Conferenza Episcopale del Piemonte e Valle d’Aosta
 
Noi, Vescovi del Piemonte, con viva fraternità e responsabilità, ci uniamo a Papa Francesco e a tutti gli altri “pastori” d’Italia per promuovere una cultura dell’incontro in un dialogo chiaro, motivato, sereno con tutte le componenti della nostra società, forti dell’unica potenza umano-divina, quella dell’amore. Ribadiamo due grandi riflessioni e insegnamenti da noi ricevuti e trasmessi e da tutti esperienzialmente constatabili.
La famiglia è fondata sul matrimonio, unione d’amore vissuta stabilmente tra donna e uomo, aperta alla gioia responsabile del dono dei figli. I figli devono beneficiare dell’amore operosamente efficace di un padre e di una madre. Gli adulti non possono e non devono trasformare desideri in diritti e imporre al minore ciò che ritengono bello e giusto per se stessi. La famiglia è un dono costitutivo, architrave, di ogni civiltà, della vita della persona, della bella e buona espressione di tanti italiani. Lo attesta e conferma con saggezza e chiarezza la Costituzione della nostra Italia.
Per salvaguardare e promuovere questi valori fondamentali anche dal punto di vista legislativo, raccomandiamo anche noi calorosamente, unendoci alla sollecitazione del Cardinal Bagnasco, un’ampia partecipazione al Family day del prossimo 30 gennaio a Roma.
Ribadiamo che tutte le unioni di coppie, comprese quelle omosessuali, non possono essere equiparate al matrimonio e alla famiglia. Tenuto fermo questo principio, anche le unioni omosessuali, come tutte le unioni affettive di fatto, richiedono una regolamentazione chiara di diritti e di doveri, espressa con saggezza. Riconosciamo certo la grande importanza e la delicatezza di questo tema che deve essere affrontato e dibattuto, ma non pervenendo a compromessi politici, frutto di equilibrismi tra poteri, che porterebbero a conseguenze negative a tutti i livelli, sociali e culturali, per le famiglie stesse.
In preghiera fraterna e fiduciosa al Signore, ci poniamo e ci riconosciamo servitori della Buona Notizia del Vangelo sulla vita e promotori di cultura, nell’avvalorare le differenze come possibilità di cammino e di crescita, di relazione e di dialogo, che permettono di attuare “opere di misericordia” veramente umane e umanizzanti.
 
Il presidente CEP mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo di Torino
e i Vescovi di Piemonte e Valle d’Aosta 
 
 
S. Filippo Neri
V Centenario della nascita 
 (1515 - 2015)
omelie, messaggi e testi
 
Appuntamenti   
 
Terzo anno 2015-2016
Il mistero dell'uomo nuovo in Cristo
 
    
 
 
>
Links
SANTA SEDE
CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA
NEWS.VA
RADIO VATICANA
OSSERVATORE ROMANO
AVVENIRE
TV2000
News dal SIR
Statistiche sito dal 2006 
>