HOME
HOME
  
HOME
  
            Il Vescovo
            La Curia
            La Cattedrale
            Seminario
            Stemma
BREVE STORIA DELLA DIOCESI
La Diocesi di Bisignano
Il periodo in cui si presume sia stata fondata la Diocesi di Bisignano è troppo povero di documentazione per poter stabilire con precisione la data della sua erezione. Possiamo ritenere attendibile l'ipotesi che essa sia stata istituita tra la fine del secolo VII e gli inizi del secolo VIII, subentrata in parte a Thurii, antica Diocesi di cui non si hanno più notizie dal 680. Che la Sede Vescovile non sia anteriore al secolo VIII, sembra essere confermata anche dal fatto che essa è ricordata solo nella Notitia III, e non prima, dei cataloghi Synecdemus risalenti al tempo di Leone VI (886-911), dove risulta essere fra le tredici Diocesi suffraganee della Metropolia di Reggio. Il nome del primo Vescovo è documentato solo nel 743, anno in cui Auderamus Episcopus Bisuntinus, insieme a Pelagio Vescovo di Cosenza, partecipa al Sinodo convocato a Roma da Papa Zaccaria (741-752). La Diocesi di Bisignano si può, quindi, ritenere di origine latina e anteriore alla Notitia III e ciò perché le Diocesi della Valle del Crati appartenevano all'Eparchia del Bruzio che si manteneva latina in quanto sottoposta alla giurisdizione dei Longobardi. In
seguito alla grave contesa scoppiata fra il Papa Gregorio II e l'Imperatore d'Oriente Leone III l'Isaurico, originata dalla pubblicazione nel 720 dell'editto con il quale si proibiva il culto delle sacre immagini (eresia degli iconoclasti), furono confiscati i beni della Chiesa, mentre tutte le Diocesi della Calabria, della Sicilia, della Puglia e dell'Illirico vennero aggregate da Costantino Copronimo, figlio dell'Isaurico, al Patriarcato di Costantinopoli. Le Chiese di Calabria, tradizionalmente latine, dovettero rompere bruscamente i rapporti con la Sede Apostolica. Nella seconda metà del secolo X Bisignano fu aggregata a Reggio da Niceforo Foca, imperatore bizantino dal 963, il quale dopo aver riconquistato la Calabria e scacciato i Longobardi della Valle del Crati, impose il rito bizantino alle Diocesi di Bisignano e Cosenza. Ma l'aggregazione al Patriarcato di Costantinopoli non durò a lungo, infatti nel 983 Bisignano fu assegnata da Benedetto VII alla Metropolia latina di Salerno come sembrano confermare le successive bolle papali che vanno dal