Sostegni a distanza

Un servizio alla vita e alla speranza

Bambini di strada, ragazzi lavoratori, bambini soldato, bambini abbandonati, violentati, denutriti, bambini senza casa e senza affetti, bambini impossibilitati ad andare a scuola...

L'elenco potrebbe continuare a lungo, perché purtroppo sono sempre più numerosi nel mondo i piccoli derubati fin dalla nascita dei loro diritti fondamentali. Anche la famiglia è spesso un diritto negato a molti bambini.

Accanto a questa tragica realtà ne esiste però anche un'altra, spesso nascosta, ma non meno vera: quella di tante persone che, pur con possibilità limitate, fanno qualcosa per offrire ai bambini una possibilità di speranza e di futuro.

L'adozione a distanza offre a tutti, giovani e adulti, famiglie e comunità, gruppi di amici, classi di scuola o colleghi d'ufficio, la possibilità di inserirsi in questa silenziosa catena di solidarietà, contribuendo ad offrire ad un bambino dei Paesi del Sud del mondo una infanzia più serena e una nuova speranza di vita.

Come funziona l'adozione a distanza

Non è un'adozione vera e propria, perché tra la famiglia italiana e il bambino o ragazzo adottato non si stabilisce alcun legame giuridico e il bambino non viene sradicato dalla sua terra e dalla sua cultura. Le donazioni sostengono strutture di accoglienza dove i bambini possono ricevere cibo, assistenza sanitaria, formazione scolastica…

Il contatto tra le famiglie adottanti e i bambini coinvolti nel progetto avviene attraverso i missionari che sono in collegamento con l'Ufficio Missionario diocesano. I missionari garantiscono la validità del progetto e il buon funzionamento, e periodicamente ne danno informazione attraverso notizie e foto.

I progetti che sosteniamo

vai alla pagina

Brasile

vai alla pagina

Costa D'Avorio

vai alla pagina

Filippine

vai alla pagina

India

vai alla pagina

Ecuador

vai alla pagina

Sudan

vai alla pagina

Thailandia 1

vai alla pagina

Thailandia 2